A musical Voyage

Il programma si presenta come una specie di immaginario giro del mondo, grazie all'esecuzione di brillanti e celeberrime composizioni dal repertorio della musica classica, jazz, gipsy, folk, da film e da ballo, arrangiate per un piccolo ensemble di quindici elementi (violino solista, fagotto, archi e percussioni) e concatenati tra loro in un vortice decisamente stravagante di stili e colori. I brani, ispirati ad eminenti musicisti dal folklore delle nazioni più rappresentative dal punto di vista musicale, sono accompagnati dalla proiezione di splendide diapositive e filmati che, a ritmo di musica, consentono di visitare gli angoli più suggestivi del pianeta. Il repertorio proposto è stato selezionato per la vivacità e pregnante caratterizzazione, che il pubblico, coinvolto dall’esuberanza dell’esecuzione, appagato dall’ascolto di motivi universalmente noti e sbalordito dalla contestualizzazione scenica, mostra gradire in ogni occasione.

Alcuni brani sono disponibili su Youtube >

Ascoltando il Cinema

La musica non può certo da sola decretare il successo di un film, ma ne sottolinea il valore e contribuisce a conservarne il ricordo nel tempo: alcune pellicole che hanno fatto la storia del cinema sono divenute memorabili anche grazie al perfetto connubio con una colonna sonora che non si limita ad accompagnare asetticamente lo scorrere degli eventi, ma ha il potere di coinvolgerci emotivamente, facendoci passare da uno stato d'animo ad un altro con estrema rapidità e talvolta suggerendoci sensazioni che anticipano in qualche modo l'azione. Per una volta, quindi, al contrario di ciò che avviene nel cinema, sono le scene dei film proiettate ad esaltare la bellezza dei temi musicali, arrangiati per un piccolo ma variegato ensemble di dodici elementi (soprano, quintetto d'archi, flauto, oboe, clarinetto, fagotto, pianoforte e percussioni).

Per maggiori informazioni, Contatti >

The Eight Seasons

La rotondità del globo terreste implica due emisferi. Quindi le stagioni si raddoppiano. Ecco perchè abbiamo due volte quattro stagioni. A circa 300 anni di distanza, Antonio Vivaldi e Astor Piazzolla, traendo ispirazione dai colori, dai suoni e delle sensazioni che le stagioni nei rispettivi emisferi hanno il potere di evocare, hanno creato autentici ed immortali capolavori; ed è proprio questo il punto d'incontro tra i due compositori: non si tratta certo di contaminazione, ma di un dialogo tra due geni che ignorano le strutture di tempo e spazio e si concentrano sull'essenziale. Ed è per questo che queste composizioni sono in grado di coinvolgere il pubblico di ogni angolo del mondo, risvegliando le più diverse emozioni.

Per maggiori informazioni, Contatti >

  • Arrangiamenti

    Oltre alla carriera concertistica, Antonio Aiello può vantare un vasto catalogo di arrangiamenti per i più disparati organici regolarmente eseguiti in tutto il mondo.

  • Trio Operacento

    Grazie al fortunato incontro e al profondo sodalizio artistico creatosi con la pianista Francesca Sperandeo ed il violoncellista Antonino Puliafito, il Trio Operacento svolge un'intensa attività concertistica.

  • Progetti proposti

    A musical Voyage, Ascoltando il cinema, Diabolus in musica, I concerti della Natura e The Eight Seasons sono solo alcuni dei brillanti programmi per violino solista e orchestra da camera ideati, arrangiati, eseguiti e diretti da Antonio Aiello.

  • Repertorio